Pubblicato da: Vito Nicola CICCHETTI | 25 marzo 2007

Cicchetti: Legalità / Criminalità il Berlusconismo

LEGALITA’ / CRIMINALITA’

 

Il tema  “Legalità/criminalità”  sta monopolizzando le pagine dei giornali e i titoli dei vari convegni. L’Ente Provincia ha avvertito, giustamente,  la necessità di svolgere una seduta di Consiglio Provinciale a Quindici. La legalità è questione strettamente connessa ad un altro grande tema quello della “questione morale”:  “I partiti d’oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile, zero. Gestiscono interessi, i più disparati, i più contraddittori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti, oppure distorcendoli, senza perseguire il bene comune” (così il comp. Enrico Berlinguer nel luglio 1981), analisi più che mai attuale.

Nel mentre in tanti si spendono alla ricerca delle cause che sono alla base della illegalità diffusa, in pochi individuano proprio nei politici e amministratori il primo vero anello di tale sistema.

Il Berlusconismo, prescindendo dai tanti danni arrecati dal suo Governo, ha la grande colpa di aver fatto passare per normale cio che illegale.

Si pensi ai tanti provvedimenti ad personam (falso in bilancio, legge salva Previti, conflitto d’interessi) ma soprattutto all’idea che anche chi ha condanne definitive (per corruzione di giudici) possa sedere in Parlamento e rappresentare gli Italiani.

Si è consentito in effetti alla politica e ai partiti di assolvere ciò che la giustizia ha condannato.

Anche in Provincia non siamo immuni da tale triste fenomeno.

Quale credibilità hanno le istituzioni, che vogliono trasmettere il messaggio di legalità, nel mentre nelle istituzioni stesse sono presenti soggetti che ricoprono la carica di Sindaco in violazione e dispregio di una legge dello Stato?.

Prescindendo dal se sia giusta un legge che vieta la ricandidatura per il terzo mandato, questa esiste e va rispettata. Chi in violazione di un dettato normativo occupa la poltrona di Sindaco (ed anche quella di assessore Provinciale) come può parlare di legalità ai giovani se è egli il primo a violare la legge dello Stato? Quale credibilità per le istituzioni?  per i partiti?

Ripristiniamo la legalità a partire dagli enti e dai partiti altrimenti, potrà governare anche il centro sinistra, ma il sistema Berlusconiano di rendere legittimo anche ciò che contrasta con leggi e costituzione avrà vinto.

Avellino 25 marzo 2007

                           Vito Nicola Cicchetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: