Pubblicato da: Vito Nicola CICCHETTI | 28 settembre 2010

COMUNICAZIONI TELEFONICHE DEL PARLAMENTARE INTERCETTAZIONI “CASUALI”

COMUNICAZIONI TELEFONICHE DEL PARLAMENTARE – INTERCETTAZIONI “CASUALI”

 

Le Corte di Cassazione (Sezione Feriale Penale, Presidente S. Chieffi, Relatore M. Cassano),  con la sentenza n. 34244 del 9 settembre 2010 – depositata il 22 settembre 2010, in continuità con quanto affermato dalla Corte costituzionale (sentenza nn. 113 e 114 del 2010) ha statuito che la “casualità” delle operazioni di intercettazione telefonica che abbiano visto indirettamente coinvolto un parlamentare, per poter essere affermata, deve emergere dalla motivazione del provvedimento che faccia uso dei risultati di quelle operazioni, nell’esame puntuale di una molteplicità di profili, attinenti al tipo dei rapporti intercorrenti tra il parlamentare e il terzo sottoposto al controllo telefonico, all’attività criminosa oggetto di indagine, al numero delle conversazioni intercorse tra il terzo e il parlamentare, al periodo di tempo entro il quale l’attività di captazione è avvenuta.

 [fonte: Cassazione Penale]
Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: