Pubblicato da: Vito Nicola CICCHETTI | 19 aprile 2011

AVVOCATI SCIOPERO 3, 4 e 5 MAGGIO FORO ARIANO IRPINO

LO SCIOPERO E’ STATO SPOSTATO AL 30 31 maggio e 1 Giugno 2011

SCIOPERO DEGLI AVVOCATI DEL FORO DI ARIANO IRPINO NEI GIORNI 3, 4 e 5 MAGGIO. LA PROTESTA E’ LA RISPOSTA DELL’AVVOCATURA ALLA NOTA DEL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE RITENUTA LESIVA DEI DIRITTI FONDAMENTALI E DELLA DIGNITA’ DELL’AVVOCATURA NONCHE’  DELL’ESERCIZIO DEL DIRITTO COSTITUZIONALMENTE GARANTITO ALL’ASTENSIONE NEI MODI E FORMEDI LEGGE.

Di seguito il deliberato del Consiglio dell’Ordine di Ariano Irpino

Il Consiglio, riunito in seduta straordinaria a seguito di convocazione ad horas, premette che il Presidente del Tribunale di Ariano Irpino con nota divulgata ai magistrati, rivolgeva loro l’invito “a voler dare l’assoluta precedenza nella trattazione ai procedimenti civili, lavoro, previdenza e penali già ultraquinquennali o comunque nei quali è già in avanzata fase di decorso il termine di prescrizione dei reati nonché a definire i procedimenti civili e penali entro il termine massimo di cinque anni dalla loro iscrizione,intendendo per definizione il deposito del provvedimento conclusivo”.
Inopinatamente, detta nota prosegue con la disposizione affinché i magistrati avessero cura, nei casi sopra indicati,  tra l’altro a “non ritenere giustificati e quindi legittimi eventuali impedimenti per contemporanei impegni professionali dei difensori o per adesione degli stessi ad astensioni dalle udienze”.
Tale nota, divulgata prima delle giornate già fissate per il 14 ed il 15 c.m. come astensione nazionale in tutte le udienze sia dall’OUA che dall’UNCC (proclamazione del 25.03.2011, diffusa a mezzo stampa nazionale nonché con affissione all’interno del Tribunale), non è stata comunicata al Consiglio dell’Ordine.
Tanto premesso, il Consiglio considera tali disposizioni lesive dei diritti fondamentali e della dignità dell’Avvocatura nonché dell’esercizio del diritto costituzionalmente garantito all’astensione nei modi e forme di legge.
In particolare, è illegittimo e lesivo del diritto di svolgere l’attività difensiva ritenere non giustificati e legittimi gli impedimenti professionali per contemporanei impegni degli avvocati, eliminando in tal modo la facoltà del magistrato ad esercitare il suo diritto – dovere di valutare anche sulla base dell’orientamento della Cassazione la legittimità degli impedimenti.
Ancor più grave è il voler ritenere non giustificato l’impedimento del difensore che dichiara la propria adesione all’astensione dalle udienze legittimamente proclamata da Istituzioni ed Organismi, anche di rilievo nazionale, autorizzati a farlo.
Ancora, non trascurabile è la constatazione che tale modo di agire viola la libertà del magistrato che è l’unico deputato a valutare la legittimità di un impedimento .
In ogni caso, appare evidente l’assoluta mancanza di considerazione per il ruolo e la funzione dell’avvocato e dei suoi organismi di rappresentanza perché tale nota, così invasiva nell’esercizio dell’attività professionale anche in altri punti della stessa, non poteva non essere partecipata agli stessi.       
Si prende atto che l’immediata iniziativa di censura del Consiglio dell’Ordine nonché la correttezza processuale dei magistrati, che non hanno dato seguito a tali disposizioni, hanno evitato danni sostanziali alle parti processuali, pur risultando, purtroppo, irrimediabilmente incisi l’immagine ed il decoro dell’Avvocatura.
Considerando, infine, che anche in altre parti del suo contenuto la nota in disamina appare censurabile siccome lesiva del diritto di difesa e dell’equilibrata dialettica processuale,

 il Consiglio

                                  d e l i b e r a

– di proclamare, in segno di protesta, l’astensione dalle udienze civili e penali in tutto il circondario, con le esclusioni di legge, per i giorni 3, 4 e 5 maggio 2011, dandone  tempestiva comunicazione agli organi di legge;
– di convocare l’assemblea degli iscritti per il giorno 5 maggio 2011, ore 10 ;
– …………………. omissis ………………………..

Del che è verbale .

F.to Il Segretario                         F.to Il Presidente
Avv. Domenico Scala              Avv. Carmine Monaco

[Fonte: ordineavvocatiarianoirpino.it]
Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: