Pubblicato da: Vito Nicola CICCHETTI | 25 luglio 2013

GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA. TAR SALERNO CON LA SENTENZA N. 1611 DEL 22.07.2013 CONDANNA IL MINISTERO DELLA SALUTE

 GIUDIZIO DI OTTEMPERANZA IN DANNO DEL MINISTERO DELLATAR Salerno SALUTE IL TAR SALERNO CON LA SENTENZA N. 1611 DEL 22.07.2013 CONDANNA IL MINISTERO AL PAGAMENTO ENTRO GIORNI 90 E NOMINA IL COMMISSARIO IN CASO DI MANCATA OTTEMPERANZA.         

                                                                    N. 01611/2013 REG.PROV.COLL.

                                                                    N. 00708/2013 REG.RIC.

                               REPUBBLICA ITALIANA
                        IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania
sezione staccata di Salerno (Sezione Prima)
ha pronunciato la presente
                                           SENTENZA
sul ricorso numero di registro generale 708 del 2013, proposto da:
………………, rappresentato e difeso dagli avv. Vito Nicola Cicchetti e Domenico Simone, legalmente domiciliato presso la Segreteria del T.A.R.;
                                              contro
Ministero della Salute, rappresentato e difeso per legge dall’Avvocatura Distrettuale dello Stato di Salerno, domiciliato in Salerno, corso Vittorio Emanuele n.58;
per l’esecuzione
del giudicato formatosi sulla sentenza n.1064/2011 emessa dal Tribunale di Ariano Irpino

Visti il ricorso e i relativi allegati;
Visto l’atto di costituzione in giudizio del Ministero della Salute;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nella camera di consiglio del giorno 18 luglio 2013 il dott. Ezio Fedullo e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Visto il proposto ricorso di ottemperanza;Rilevato che il Ministero intimato non ha contestato i presupposti dell’azione intrapresa, relativi essenzialmente al mancato soddisfacimento della pretesa creditoria fondata sul titolo giurisdizionale oggetto di esecuzione;Ritenuta pertanto la sussistenza delle condizioni per ordinare al Ministero della Salute di provvedere alla piena esecuzione della sentenza indicata in epigrafe, entro e non oltre novanta giorni dalla comunicazione o notificazione della presente sentenza;Ritenuto di nominare fin d’ora quale Commissario ad acta, per l’ipotesi di persistente inerzia del Ministero intimato, il Prefetto di Roma o suo delegato, affinché ponga in essere, in via sostitutiva, ogni necessario adempimento attuativo;Ritenuto di condannare il Ministero della Salute al rimborso delle spese di giudizio sostenute dalla parte ricorrente relativamente al presente giudizio di ottemperanza, nella complessiva misura di € 1.000, oltre alla refusione del contributo unificato;                                               

                                             P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania, Sezione Staccata di Salerno, Sezione Prima, definitivamente pronunciando sul ricorso n. 708/2013, lo accoglie e per l’effetto:– ordina al Ministero della Salute di provvedere alla piena esecuzione della sentenza indicata in epigrafe, entro e non oltre novanta giorni dalla comunicazione o notificazione della presente sentenza;– nomina fin d’ora quale Commissario ad acta, per l’ipotesi di persistente inerzia del Ministero intimato, il Prefetto di Roma o suo delegato, affinché ponga in essere, in via sostitutiva, ogni necessario adempimento attuativo;– condanna il Ministero della Salute al rimborso delle spese di giudizio sostenute dalla parte ricorrente relativamente al presente giudizio di ottemperanza, nella complessiva misura di € 1.000, oltre alla refusione del contributo unificato.Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Salerno nella camera di consiglio del giorno 18 luglio 2013 con l’intervento dei magistrati:
Antonio Onorato, Presidente
Francesco Mele, Consigliere
Ezio Fedullo, Consigliere, Estensore

L’ESTENSORE                                           IL PRESIDENTE

                       DEPOSITATA IN SEGRETERIA
                                 Il 22/07/2013
                                IL SEGRETARIO
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

[FONTE: giustiziaamministrativa.it]

AVVERTENZEIl contenuto dell’articolo, il commento, si riferiscono a fattispecie generali e non possono in alcun modo sostituire il contributo di un professionista qualificato. L’autore declina ogni responsabilità per errori e/o omissioni, e per un utilizzo improprio o non aggiornato delle informazioni contenute nel blog. Il visitatore/utente dichiara di aver letto i termini e le condizioni di utilizzo del blog (apposita pagina) e di accettarle.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: