Pubblicato da: Vito Nicola CICCHETTI | 5 novembre 2013

OUA IL MINISTRO CANCELLIERI DEVE DIMETTERSI. CASO LIGRESTI

CASO LIGRESTI, PER L’OUA QUELLA DEL MINISTRO ouaCANCELLIERI È SENZA DUBBIO UNA CONDOTTA CENSURABILE: DIMISSIONI

 

NICOLA MARINO, OUA: “NELLE CARCERI NON CI POSSONO ESSERE DETENUTI DI SERIE A, CON I SANTI IN PARADISO, E ALTRI DI SERIE B, SENZA DIRITTI. LE CONDIZIONI DI DETENZIONE SONO SPESSO DISUMANE PER I PRESUNTI PICCOLI DELINQUENTI, COSÌ COME PER I COLLETTI BIANCHI. ATTENDIAMO SPIEGAZIONI CONVINCENTI O LE DIMISSIONI DELLA GUARDASIGILLI. QUELLO DELLE TELEFONATE È UN PESSIMO VIZIO DELLA POLITICA ITALIANA”

 

Duro il giudizio dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura su quanto emerso nei verbali dell’inchiesta Fonsai in relazione all’interessamento del ministro Cancellieri, mediante diverse telefonate con la famiglia Ligresti, per le condizioni di detenzione di Giulia Ligresti.

Per il presidente dell’Oua, Nicola Marino, quella della Cancellieri, «è una condotta gravissima, un ennesimo episodio di “malapolitica” a tutela di una “potente” in gravi condizioni di salute (che sono la dimostrazione di un serio problema dei nostri istituti penitenziari), come è la figlia di Ligresti, in carcere da diversi mesi e ora ai domiciliari».

«Assistiamo – aggiunge – a una gestione opaca di una vicenda, in cui un malinteso senso dell’“amicizia” (oltretutto il figlio della Cancellieri, lavorava in Fondiaria), porta a un interessamento che, seppur si dimostrasse lecito, è decisamente censurabile».

 

«Le condizioni di detenzione – continua il presidente Oua – sono spesso disumane per i presunti piccoli delinquenti, così come per i colletti bianchi. Le telefonate del ministro, un pessimo e ricorrente vizio della politica italiana, necessitano di spiegazioni davvero convincenti in Parlamento, altrimenti attendiamo le dimissioni. Nelle carceri  non ci possono essere detenuti di serie A, con i “santi in paradiso” e altri di serie B senza diritti».

 

«D’altronde questo è l’ennesimo errore del Guardasigilli – conclude Marino – come dimostrano le continue polemiche che l’hanno coinvolta in questi mesi, dal caso Ablyazov, la deportazione della famiglia kazaka, al fuorionda contro l’avvocatura a Napoli, il famoso: “Me li tolgo dai piedi”».

 

Roma, 1 novembre 2013

[FONTE:oua.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: