Pubblicato da: Vito Nicola CICCHETTI | 4 gennaio 2014

LA MARCA ISCRIZIONE PASSA DA 8 EURO A 27 EURO SICUREZZA STRADALE DENUNCIA OUA

INCIDENTI STRADALI, L’OUA AL MINISTRO ouaCANCELLIERI: 

ATTENZIONE ALLA POLITICA DEGLI ANNUNCI SÌ A MAGGIOR CONTROLLI E ALLA SICUREZZA DELLA PENA. NO A NUOVI INTERVENTI LEGISLATIVI CONFUSIONARI, DAI POSSIBILI EFFETTI CRIMINOGENI E SENZA IL NECESSARIO APPROFONDIMENTO
L’OUA CRITICA DURAMENTE ANCHE L’ULTERIORE AUMENTO DELLA COSIDDETTA MARCA DA 8 EURO, PRIMA TRIPLICATA E DAL 2014 PASSATA DA 25 A 27 EURO: UN ULTERIORE BALZELLO SUL DIRITTO DI DIFESA DEL CITTADINO

Il presidente dell’Organismo Unitario dell’Avvocatura (OUA), Nicola Marino, commenta con
preoccupazione le dichiarazioni del Ministro Cancellieri, apparse sui mezzi di informazioni, su un ipotetico provvedimento sulla sicurezza stradale: «Una premessa: le leggi ci sono, ma si applicano male.
Attenzione, quindi, ad aggiungere ulteriori interventi ‘spot’ dagli effetti criminogeni, che si
sovrappongono e che possono creare confusione nei Tribunali. Attendiamo di avere un quadro più chiaro del progetto e auspichiamo che il Ministro scelga la strada del disegno di legge (invece che quella della decretazione) e, quindi del confronto. È opportuno, infatti, che oltre a sentire i “tecnici” dei due Ministeri interessati (Giustizia e Interno), vengano coinvolti gli avvocati, cioè coloro i quali sono in prima linea e che difendono, appunto, le vittime degli incidenti stradali. L’Organismo Unitario dell’Avvocatura darà il proprio contributo fattivo affinché si intervenga con ponderazione e con decisione sulla domanda di sicurezza che viene dagli italiani».
«Innanzitutto – spiega Marino – sono infatti da fugare tre rischi, che citerò in modo sintetico e
meramente esemplificativo. Il primo: questo nuovo, eventuale, provvedimento si deve innestare organicamente con l’attuale quadro normativo. In tal senso, è bene ricordare, che le leggi in vigore potrebbero essere efficaci se solo fossero applicate con decisione e accompagnate da maggiori controlli sulla strada. Il secondo: la creazione di una nuova fattispecie di reato, presuppone che il cittadino sotto effetto di alcol (ovvero di sostanze stupefacenti) che decide di condurre una macchina abbia consapevolezza di voler commettere un reato. E, poi, siamo certi che questa durezza sia un efficace deterrente ? O, invece, assisteremo a più casi di omesso soccorso? E non rischiamo di avere un effetto criminogeno, con tutto ciò che ne consegue in termini di tenuta del nostro sistema carcerario?
Terzo: guai a norme che possano aprire le porte a ulteriori regali alla compagnie assicurative, dopo quelle già contenute nel primo Decreto Destinazione Italia ora in conversione nel Parlamento.

Troppe volte in Italia si legifera con la scusa della semplificazione e dell’emergenza, per poi far passare vantaggi economici per le assicurazioni e a scapito dei cittadini. Anche in questo caso, non vorremmo che si andasse in questa direzione. La durezza contro il conduttore imprudente deve essere reale, efficace ma proporzionata».

«Dal Ministro Cancellieri – conclude Marino – attendiamo, ora, un cenno di riscontro».

Infine, il presidente dell’Oua ritorna su un altro provvedimento varato nel 2013, quello relativo alla cosiddetta “marca da otto”, ossia il versamento forfettario che accompagna il contributo unificato nell’iscrizione di una causa a ruolo: «Prima erano 8 euro, poi sono diventati 25 – sottolinea – ma come se non bastasse l’ultima legge di stabilità ha fatto lievitare ancora il costo della marca: siamo arrivati a 27 euro. Tutto ciò accompagnato dai continui aumenti dello stesso contributo unificato e dal filtro previsto dalla mediazione obbligatoria. L’accesso alla giustizia è una corsa ad ostacoli e anche in questo caso il cittadino è costretto a pagare balzelli su balzelli per avere garantito un diritto costituzionale. È un assurdo, considerando poi le enormi disfunzioni del nostro sistema, la lunghezza dei processi, la chiusura di moltissimi uffici giudiziari. Si paga sempre di più per avere sempre di meno».

Roma, 3 gennaio 2014

[FONTE: uoa.it]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: