Pubblicato da: Vito Nicola CICCHETTI | 11 maggio 2017

Assegno di mantenimento. Nuovo diverso orientamento della Suprema Corte. Cass. Civ. sez. Prima sentenza 11504 del 10.05.2017

divorzio all'italianaLa Corte di Cassazione Civile sezione Prima con sentenza n. 11504 del 10.05.2017 superando, in considerazione dell’evoluzione del costume sociale, il proprio consolidato orientamento, ha stabilito che il riconoscimento del diritto all’assegno divorzile postula che il giudice cui sia rivolta la corrispondente domanda accerti che l’istante sia privo di indipendenza o autosufficienza economica

(desumibile – salvo altri rilevanti indici nelle singole fattispecie – dal possesso di redditi di qualsiasi specie e/o di cespiti patrimoniali mobiliari ed immobiliari, dalle capacità e possibilità effettive di lavoro personale, dalla stabile disponibilità di una casa di abitazione), sicchè, solo ricorrendo tale condizione, potrà procedere alla relativa quantificazione avvalendosi di tutti i parametri indicati, dall’art. 5, comma 6, della l. n. 898 del 1970, come sostituito dall’art. 10 della l. n. 74 del 1987 (condizioni dei coniugi, ragioni della decisione, contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune, reddito di entrambi, durata del matrimonio).

Presidente: S. Di Palma     Relatore: A.P. Lamorgese

leggi la sentenza Cass. Civ sentenza 11504_05_2017

[FONTE: cortedicassazione.it]

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: